Molti food blog hanno una linea ben precisa, un’indicazione tematica che li caratterizza e li distingue dagli altri. Mi piacciono molto proprio per questo motivo. Se cerchi qualcosa di specifico sai dove trovarlo. Sono una certezza.
Altri invece sono più liberi, rispecchiano il significato iniziale dei blog cioè sono dei veri diari personali. Ecco, io sono in questa seconda categoria. Le ricette che scrivo qui raccontano la mia quotidianità. Ci sono alcune ricette pensate attentamente per il blog, altre no, ma che voglio comunque condividere perché mi hanno particolarmente soddisfatto.
Questo tortino è nato per caso, dall’esigenza del momento e dai pochi ingredienti freschi che avevo già a disposizione.  Il risultato finale mi é piaciuto e mi sembra sia un piatto ben riuscito  con un mix perfetto di consistenze e sapori. C’è la morbidezza e la dolcezza della velluta,  la consistenza del cous cous e la sapidità e croccantezza del baccalà. Tutto con ingredienti freschi e di stagione.
Non ho pretese di piacere, ne’ di avere folle di lettori, ma se anche i vostri piatti sono come le vostre giornate diversi l’uno dall’altro e la vostra cucina non è quella di un ristorante con un mission definita, allora siamo in buona compagnia.

 
Ingredienti per 4 persone:
 
Per il tortino di cous cous con baccalà:
  • 200g cous cous
  • 600g baccalà ammollato (circa 400g secco), per info sull’ammollo vedi QUI
  • 30ml olio e.v.o.
  • 1 spicchio aglio
  • 15g farina 00
  • 15g farina di mais tostata o istantanea
  • olio per frittura
  • sale q.b.
  • paprika q.b.
Per la vellutata di zucca:
  • 400g zucca
  • 50ml brodo vegetale
  • 10ml olio e.v.o.
  • 10 g farina 00
  • 1 spicchio aglio
  • sale q.b.
Preparazione:
Puliamo la zucca e tagliamola a pezzi di media grandezza.
In una casseruola rosoliamo l’aglio in un cucchiaio d’olio, eliminiamolo e aggiungiamo la zucca e il brodo vegetale, saliamo e lasciamo cuocere per 20min.
Intanto prepariamo il cous cous seguendo le indicazioni della confezione, quando sarà pronto mettiamo da parte.
Prepariamo il baccalà. Lessiamolo in un’ampia pentola con acqua non salata per 3-4′. Scoliamolo  e tagliamolo in pezzi seguendo le nervature del pesce. Mettiamo i pezzi migliori più grandi e compatti ad asciugare su un canovaccio. Schiacciamo i pezzi restanti con una forchetta e rosoliamoli in un’ampia padella con l’aglio e l’olio. Eliminiamo l’aglio e uniamo anche il cous cous. Proviamo per capire se è il caso di salare o meno.
Per la vellutata, quando la zucca sarà cotta, frulliamo tutto con il minipimer, aggiungiamo la farina setacciandola e amalgamiamo bene. Aggiungiamo due cucchiai di vellutata al cous cous con il baccalà, teniamo in caldo il resto.
Riprendiamo i pezzetti di baccalà messi ad asciugare, in una ciotola mescoliamo la farina 00 e la farina di mais, infariniamo bene tutti i pezzi e friggiamoli in olio già ben caldo in una padella dai bordi alti. Ci vorranno 10′ circa per renderli ben croccanti. Scoliamoli accuratamente e poniamoli su carta assorbente. Saliamo solo se necessario.
Assembliamo infine il piatto. Alla base mettiamo qualche cucchiaio di vellutata di zucca, poi aiutandoci con un coppa pasta formiamo i tortini compattando bene il cous cous man mano che lo sistemiamo nel coppa pasta. Sfiliamo quest’ultimo delicatamente. Aggiungiamo infine i pezzetti di baccalà croccante e una spolverata di paprika.

4 Comments on Tortino di cous cous con baccalà croccante su vellutata di zucca

  1. valentina
    22 febbraio 2014 at 11:29 (3 anni ago)

    Eccome se sei in buona compagnia Angela! Io sono ciò che si potrebbe definire un' "apprendista del blog", ma cucino da tanti anni e per quanto abbia attraversato varie fasi, sono umorale in cucina come nella vita, e ogni ricetta (che prima solo cucinavo e adesso anche posto) è un riflesso di me e di ciò che provo nel momento in cui l'ho preparata.
    Qualcosa nasce per caso, come il tuo fantastico e fantasioso tortino, qualcosa è più ponderato. Ma sempre e comunque ogni giorno diverso.
    Un abbraccio e buon weekend!

    Rispondi
    • storiedamordere
      10 marzo 2014 at 20:32 (3 anni ago)

      Esatto Valentina, sono umorale in cucina e se alle volte le ricette vengono accuratamente programmate altre volte le cose nascono così… al momento 😉
      Buona serata 🙂

      Rispondi
    • storiedamordere
      10 marzo 2014 at 20:35 (3 anni ago)

      Ciao Valentina, mi fa piacere trovare persone che come me fanno del blog il loro diario personale 😉
      Grazie per il premio 🙂

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *